My new Ferrania Eura

Stavo passeggiando in un mercatino di antiquariato e oggetti usati davanti alla Certosa di Pavia, ed eccola, spunta da un banchetto di chincaglieria una fantastica macchina fotografica dal design anni ’60.

Mi avvicino ed entusiasta chiedo al negoziante di farmi guardare questo gioiellino che diventerà (già ne sono sicuro) il nuovo arrivo della mia collezione di fotocamere analogiche.

Una macchina di plastica ed alluminio che ci fa tornare indietro ai gloriosi anni ’60 quando la Ferrania (gloriosa fabbrica ligure)  mise sul mercato questa fotocamera per una clientela molto ampia, visto il facile utilizzo della fotocamera che comunque mantiene un’ottica molto luminosa, adatta anche con condizioni di poca luce, ad un costo anche all’epoca molto accessibile.

È dotata di un attacco standard per il flash e dell’ingresso per cavetto flessibile oltre alla possibilità di avvitamento del treppiede.

Non ho saputo resistere al desiderio di mettela alla prova e, proprio mentre tornavo a Milano in autostrada, ho fatto uno stop all’Autogrill,  caricato la fotocamera con un rullino lomografico di medio formato e scattato 12 fotogrammi in sequenza.

Tempo di svilupparli e tra qualche giorno vedro’ i risultati… che naturalmente verranno postati.